L’italiano “medio”… Medio? No, no… altro che medio: proprio mediocre!

21 Feb

Sono reduce dall’influenza. Un’unica giornata ma  intensa, trascorsa a letto con 39 gradi di febbre e le vertigini, e  a seguire uno strascico lievemente depressivo quale eredità del morbo.

E’ abbastanza frequente avere dei sintomi depressivi legati a fenomeni influenzali, che passano di norma dopo poco tempo. Ma prima che essi svaniscano completamente voglio avvalermi di quest’avversione che sento verso una buona fetta del genere umano per scrivere quest’ articoletto che covavo da un pochino. E l’avversione di cui sopra, si indirizza soprattutto contro l’essere umano di sesso maschile. Eterosessuale. E Italiano.

Pescando sul web notizie circa  le caratteristiche peculiari del maschio eterosessuale “medio” italiano ho potuto compilare la lista degli interessi preminenti della sua esistenza. Eccovi l’ elenco dei  maggiori impieghi  di tempo ed energie del soggetto in questione:

  •  Calcio
  •  Motori
  •  Sesso (promiscuo, nonché quale assiduo utente di pornografia)
  •  Playstation
  •  Tecnologia  (“i giocattoli per adulti”:  supercellulari, televisori iperfighi, pc  portatili con lo schermo touch)
  • Vanità varie (palestra per i muscoli, e griffe per evidenziarli e autoimprimersi un   marchio mandriano)
  • Chat, Virtualità e Vetrine autocelebrative (facebook etc…). Le relazioni sono  schermate, distaccate e controllate; si mostra e diffonde solo ciò che si vuole,  quello che faccia apparire più fighi; si scrive solo dopo aver “corretto”.
  • Film di Fantascienza o Comicità banale  (più sul trash  che sul satirico): ovvero pellicole del disimpegno assoluto e dell’evasione dalla realtà
  • Alcool  (ma anche Fumo…ed altre Dipendenze)
  • Praticare la politica del minimo sforzo e del minimo impegno (nel lavoro,   circa la vita intellettuale, riguardo la partecipazione sociale e politica),  ispirandosi a modelli truffaldini di furbastri (spuntare il prezzo migliore su  eBay per lo scintillante fregio da moto, truffare il fisco, reperire  raccomandazioni)
 Naturalmente si tratta di esasperazioni volute. Beh, esagerazioni forse sì… ma fino a che punto davvero “esasperate” ?
Come dovrebbe invece essere l’individuo modello? Basterebbe quasi ribaltare il calco descritto qui sopra:
  • Non buttare il proprio tempo in divertimenti appaganti nell’immediato ma affossanti sul medio e lungo termine. In pratica imparare a differire nel tempo il piacere.
  • Vivere le relazioni umane, di amicizia ed amore, con maggior pienezza e maturità.
  • Avere una visione “propria” e personale delle cose e della realtà.
  • Essere “istruiti” e “colti”.
  • Capire che l’impegno ripaga, la furbizia e la menzogna spesso ci tornano indietro sul grugno come un boomerang.
  • Fuggire il troppo basso e il troppo mediocre.
  • Sviluppare alcune tra le forme multiple di intelligenza descritte ad esempio da Howard Gardner : cognitiva, emotiva, spaziale, musicale, cinestetica,…
  • Essere aperti agli altri, prestare aiuto, dare…
  • Coltivare i valori umani…
 Inutile dire che ai Burattinai fa molto comodo avere individui forgiati in serie con lo “stampino” del prototipo di subumani calcio-e-vagina-dipendenti: costoro difatti non si ribellano, non costituiscono un pericolo per lo status delle cose, si accontentano di sopravvivere, consumano ciecamente, non fanno rivoluzioni, si fanno addomesticare facilmente!
L’essere umano più evoluto, invece, dovrebbe essere frutto di un percorso di formazione e istruzione che parta dal bambino. Quindi occorrerebbe che ciascuno sin da piccolo potesse disporre di saggi docenti. E se proprio non ci si ritiene genitori in grado di sopperire a tale compito, almeno si reperisca chi sia in grado di svolgerlo al proprio posto. Mentori, guide sagge e precettori. E il cerchio sembra chiudersi tornando al punto di partenza: evitare di procreare se non si può dare alla propria creatura tutto ciò di cui ha bisogno per “vivere” e non solo “sopravvivere”….
Ora che ci penso, ai Burattinai preme questo: farci sopravvivere anziché vivere un’esistenza piena
Qui sotto un sondaggio:  rispondi solo se sei italiano, con la M sulla carta di identità alla voce “sesso”, ed eterosessuale!
Annunci

9 Risposte to “L’italiano “medio”… Medio? No, no… altro che medio: proprio mediocre!”

  1. Matteo febbraio 22, 2012 a 12:15 am #

    Mediocre… già, come l’articolo. Tutto vero, per carità. Ma di anche che come donna non riesci a vedere oltre questo modello di uomo e che disprezzi, disprezzi, disprezzi e compri. Di un uomo diverso da questo non sapresti che fartene.

  2. icittadiniprimaditutto febbraio 22, 2012 a 7:03 am #

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. Davide febbraio 22, 2012 a 12:06 pm #

    Abbastanza superficiale, per carità non è che non ci siano bambinoni del genere ma per fortuna non sono la media.

    • mondocineroma febbraio 22, 2012 a 2:02 pm #

      Beh, se nn erro voi al Vicariato non avete problemi eccessivi di superficialità (un uccellino mi ha detto della tua Vicariato-appartenenza). Almeno all’apparenza! E ovviamente per chi non ritenga superficiale proprio …il Vicariato stesso! Io per esperienza personale – e dare un’occhiata veloce ai risultati del sondaggio non mi fa cambiare certo idea – vedo tanti “mammobamboccioni” in giro! Forse nelle vostre file non ce ne sono… oppure … 🙂

  4. elbini febbraio 22, 2012 a 8:48 pm #

    “Complimenti per il post, in cui fornisci un’analisi chiara e, senza inutili arzigogoli, infili il dito direttamente nelle piaghe più scottanti della questione! Lo stile analitico e puntuale rivela una dotazione in acume ormai poco comune nella specie umana. Soprattutto italiana, di sesso maschile ed eterosessuale…”

    Io comunque sono un italiano, maschio, medio. Mediocre. Soprattutto mediocre.

    Mi sento una merd*: mi piace il calcio (tifo Milan, tu?), sono un fiero possessore di playstation II (tra l’altro gioco solo con un gioco di calcio, medio al quadrato…), mi sfianco di palestra, sono vanitoso, mi piace lo spam, la figa, la fantascienza (amo incondizionatamente terminetor 3), i giocattoli per adulti (siate seri… parlo degli smartphone), il sesso promiscuo, le vetrine, lo spam, i giocattoli per adulti (siate seri… ora non parlo degli smartphone), lo spam (quante entrate avete?), i cittadini primi di tutto…

    Vi ho già parlato dello spam? Mi sento una merd*. Anche se differisco nel tempo il piacere.

    Per fortuna un mio amico mi commenta la pagella culturalmente povera di Cesena – Milan e mi linka questo blog. Bello.

    Interessantissimo, poco autoreferenziale, per niente superficiale, con articoli che spaziano su diversi argomenti… E io che nella mia ignoranza pensavo di trovare un blog sui cinema di Roma…

    Vabbè basta che tra un po’ comincia il secondo tempo della partita culturalmente povera O. Marsiglia – Inter. Domani ascolterò un po’ di lydia lunch e vedo che succede.

    Sono medio/mediocre.

    E adoro lo spam.

    Voi?

    Quante entrate fate?

    Il mio blog lo seguono in 5… evitate…

    Amo lo spam.

    Forza Inter.

    http://elbini.wordpress.com/

    • mondocineroma febbraio 22, 2012 a 9:20 pm #

      Per il modo in cui scrivi, accattivante e diretto, meriteresti molti più “seguaci” … Comunque mi permetto una correzione:

      Complimenti per il post, in cui fornisci un’analisi chiara e, senza inutili arzigogoli, infili il dito direttamente nelle piaghe più scottanti della questione! Lo stile analitico e puntuale rivela una dotazione in acume ormai poco comune nella specie umana. Soprattutto italiana, di sesso maschile ed eterosessuale…

      Avevi scordato il link, essenziale in caso di … spam 🙂

      • elbini febbraio 22, 2012 a 9:40 pm #

        Non so inserire i link! Sono proprio un mediocre di merd*…

        Comunque il commento vostro è stato considerato spam direttamente da wordpress.

        Evitiamo di procreare. Così, senza motivo.

      • mondocineroma febbraio 22, 2012 a 9:48 pm #

        Sì “evitare di procreare così senza motivo” può essere altrettanto saggio che “procreare solo se se ne ha motivo” 😉

Trackbacks/Pingbacks

  1. Le vere donne tengono una famiglia in piedi, quelle moderne vogliono Roberto Cavalli ai piedi! « mondocineroma - febbraio 23, 2012

    […] vogliono Roberto Cavalli ai piedi! 23 feb In una mail di risposta al post  sull’italiano maschio medio(cre) la richiesta di postare un articoletto sulla “donna moderna” prendendo spunto dal testo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: